Homepage CORO DELL’ANGOLO DI ROMA - CONCERTO PER UN AUGURIO SOLIDALE AGLI OSPITI DEL C.A.R.A. CENTRO ACCOGLIENZA PER RICHIEDENTI ASILO DI CASTEL NUOVO DIPORTO (Roma) Domenica 5 aprile 2009
CORO DELL’ANGOLO DI ROMA - CONCERTO PER UN AUGURIO SOLIDALE AGLI OSPITI DEL C.A.R.A. CENTRO ACCOGLIENZA PER RICHIEDENTI ASILO DI CASTEL NUOVO DIPORTO (Roma) Domenica 5 aprile 2009
[05-04-2009]
Il coro dell’Angolo si e’ esibito in concerto presso il C.A.R.A. di Castel Nuovo di Porto su invito della Croce Rossa Italiana. La proposta ci e’ pervenuta attraverso la nostra coordinatrice Manuela Macori volontaria della C.R.I. che ha voluto coinvolgerci in questa iniziativa di assistenza morale agli ospiti del Centro. Abbiamo accettato con entusiasmo e qualche incertezza determinata dal fatto che ci saremmo esibiti per la prima volta in pubblico con l’intero repertorio preparato con il nuovo Direttore del coro Antonino D’Amico.
L’arrivo in questa struttura, deserta e desolata, alle porte di Roma ci ha introdotti in quella atmosfera di speranza e disperazione che si percepisce entrando in contatto con immigrati che hanno alle spalle esperienze durissime di traversate, con ogni mezzo, delle piste africane e di una navigazione inumana verso l’isola di Lampedusa da dove sono stati trasferiti in questo Centro.
Il concerto e’ iniziato suscitando curiosità e interesse e la nostra sigla canora L’Avventura di Lucio Battisti ha subito riscosso successo, una caloroso applauso e una richiesta di immediato bis. Il ghiaccio era rotto sentivamo che la partecipazione cresceva mano a mano che cantavamo le canzoni in programma:
Hanacpachap Cussicuinin (Peru’), Hong Lou Meng (Cina), Rarau Ia Loti (Tahiti), Home of the Range (USA), Resham Phiriri (Nepal), Cielito Lindo (Messico), El Condor Pasa (Peru),
tutte precedute da una nostra presentazione in lingua inglese e francese poi tradotta in arabo, somalo e perfino afgano da presentatori improvvisati del comitato di accoglienza.
Ma il momento di massimo coinvolgimento del pubblico e’ nato dopo l’esecuzione del brano Malaika, ultimo in programma, cantato il lingua swahili, una sorta di esperanto africano, diffuso in tutta l’Africa occidentale, inoltre Malaika (canto d’amore “Angelo mio ti amo”) è stato interpretato dalle piu’ famose cantanti africane quindi conosciuto in tutta l’Africa e nel mondo.
Terminato il brano, accolto da un fragoroso applauso, abbiamo invitato ragazzi e ragazze a cantarlo insieme a noi, e, vinta una simpatica timidezza, ci siamo trovati tutti insieme a cantare …Malaika makupenda Malaika. E’ stato molto bello, siamo riusciti per un attimo a suscitare un sorriso, a ricordare loro una melodia lontana che parla solo d’amore e d’armonia.
Al bis dell’Avventura ha partecipato tutto il pubblico trascinato da Antonino D’Amico che e’ riuscito a far intervenire tutti dopo una rapida prova collettiva, immediatamente recepita da gente che ha musica e senso del ritmo nel sangue.
Soddisfatti abbiamo augurato a tutti un futuro piu’ generoso.

Vittorio Kulczycki
Presidente del Coro dell’Angolo
top