Riunione 18-02-2013

Cena….colo  del 18 febbraio 2013


Cari Amici
Il Quaderno di viaggio Indonesia inizia a prendere forma: Con le  prime letture abbiamo deciso di impostare il tema iniziale del quaderno sulla storia del Paese dal dopoguerra  ad oggi e alla figura di Sukarno (e successivi capi di stato) per   capire l’evoluzione della politica  e   porci varie domande come per esempio:
Ma chi era veramente Sukarno? Un feroce dittatore o un grande statista che ha dato un’identità, un senso di destino comune, di unità culturale all’Indonesia evitando che si frantumasse in molte isole indipendenti?
Fu lui ad aiutare la nazione ad ottenere l'indipendenza dall'Olanda alternando successi nella turbolenta transizione dal colonialismo olandese all'indipendenza ...ma come arrivarono gli olandesi ad essere colonizzatori di un territorio così vasto come l'Indonesia?
IN OGNI CASO LIMITIAMO PER ORA LA RICERCA E LA LETTURA  A QUESTO PERIODO STORICO CON TUTTI I NECESSARI APPROFONDIMENTI , ARTICOLI DI CRONACA  DEL TEMPO TRATTI DA QUOTIDIANI E RIVISTE.
Vi inviamo i primi brani scelti
 
Luca Vinciguerra
SUHARTO: IL DUCE D'INDONESIA CHE, TRA SANGUE E DENARO, TRASFORMÒ IL PAESE
Il Sole 24 Ore - 28 Gennaio 2008
L'articolo ci spiega perché la gente è risuscita a perdonare un uomo che in trent'anni ha esercitato il suo potere in modo violento e autoritario. Ma coloro che hanno ferocemente subito il regime del tiranno - democratici, comunisti come anche la comunità cinese – quelli, non perdoneranno mai. I loro figli e i loro nipoti nemmeno. Ma sono una minoranza isolata e senza voce politica
 
«Suharto se ne va e gli spiriti dell'Indonesia salutano un grande uomo», …«Non dimenticheremo mai il padre della nazione». La reazione collettiva alla scomparsa di Suharto racconta una verità scomoda: l'Indonesia ha perdonato il dittatore che per 32 anni l'ha governata con il pugno di ferro.
Perché perdonare un uomo che in trent'anni ha esercitato il suo potere in modo violento e autoritario, ha commesso crimini efferati, ha ucciso e imprigionato centinaia di migliaia di persone, ha fatto della corruzione e del nepotismo un malcostume politico nazionale? La risposta può apparire cinica: perché sotto il regime Suharto la vita della maggioranza degli indonesiani è migliorata. C'è chi ha iniziato a mangiare tre volte al giorno. Chi ha imparato a leggere e scrivere. Chi si è laureato.”
 
Simone Pelizza
L'INDIPENDENZA INDONESIANA
Dal sito web: http://pdsm.altervista.org
 
E’ la storia dell'inizio dell'indipendenza dai colonizzatori, il regime di Sukarno primo Presidente dell'Indonesia. Nel 1965 un primo colpo di stato consegnò formalmente il potere nelle mani dei militari. Sukarno riuscì a conservare la presidenza, ma la sua Era poteva considerarsi terminata. Nel 1966 un secondo colpo di stato lo allontanò definitivamente dalla scena politica e Sukarno fu costretto ad abbandonare il potere da uno dei suoi generali, Suharto, cui venne concesso il titolo formale di Presidente nel marzo 1967.
“L'occupazione giapponese segnò l'indipendenza dell'Indonesia. I nazionalisti locali, già attivi prima della guerra, sfruttarono infatti l'espansionismo di Tokyo per liberarsi di ogni influenza olandese. Prima della ritirata nipponica, il movimento di Sukarno e Hatta ottenne la concessione dell'indipendenza dagli invasori ormai sconfitti. Venne proclamata una Repubblica di tipo presidenziale, e sempre Sukarno riuscì a imporre una Costituzione fortemente unitaria, che sanciva la supremazia di Giava su tutte le altre isole dell'immenso arcipelago.”
 
CAPIRE L’INDONESIA, IL PIÙ GRANDE PAESE MUSULMANO
Dal sito web: www.cipax-roma.it/
Emanuele Giordana, Tomas Michel SJ e Luigi Sandri  si interrogano - in un approfondito dibattito - sulla coesistenza di gruppi religiosi così diversi e numerosi quali gli hindu (primi colonizzatori religiosi delle isole), i musulmani (il paese ha la piu grande comunita del mondo) e i cattolici.
Scandaglia, anche attraverso le esperienze personali dei relatori, le relazioni interconfessionali delle "Isole dell'India" aiutate dalla cooperazione tra i vari gruppi religiosi cercando di fare chiarezza anche su punti poco noti come per esempio le modalità dell'Islam indonesiano.

top